Select Page

Gal Gadot non farà il sequel di Wonder Woman se il produttore di film accusato rimane

Gal Gadot non farà il sequel di Wonder Woman se il produttore di film accusato rimane

Il New York Post ha comunicato che Gal Gadot, protagonista del film Wonder Woman uscito quest’anno, si rifiuterà di unirsi al sequel, previsto per una prima data di dicembre 2019, se Brett Ratner rimarrà connesso al progetto.




Su Ratner, produttore cinematografico appunto di Wonder Woman, calano infatti pesanti accuse, come quella di essersi masturbato in un sedile di un auto accanto a un modello senza nome. Questa non sarebbe nemmeno la prima affermazione contro Ratner. Il 1 ° novembre, infatti, il Los Angeles Times ha riportato sei accuse femminili, tra cui uno di sesso orale forzato, contro Ratner.

Uno degli agenti di Brett Tatner ha negato tali accuse, e anche la più recente. La società di produzione di Ratner, la RatPac-Dune Entertainment, è stata una partner di cofinanziamento della prima Wonder Woman ed è stata partner di finanziamento del film del DC Extended Universe Batman v Superman: Dawn of Justice nel 2016.

Patty Jenkins, regista della prima Wonder Woman, dirigerà anche il sequel. La pellicola ha incassato più di 800 milioni di dollari a livello mondiale, più della metà rispetto agli schermi domestici, rendendolo il film d’azione diretto da una donna più visto.

Il post ha citato una fonte inedita di Hollywood, la quale conosce Gadot, dicendo che l’attrice è rimasta fuori da una cena in onore di Ratner, tenutasi il mese scorso. Gadot, secondo la fonte, non crede che un film con temi di empowerment delle donne, sia nella storia che nella sua pubblicità, dovrebbe essere cofinanziato da un uomo come Ratner che si trova di fronte ad accuse di molestie sessuali nei confronti delle donne. Secondo quanto riferito, Gadot insiste sul fatto che la Warner Bros. compri l’accordo di finanziamento di Ratner, oppure non firmerà.

Gadot riprenderà il suo ruolo di Wonder Woman nel prossimo film del DC Extended Universe Justice League, che sarà disponibile al cinema venerdì 17 novembre.

Gal Gadot non farà il sequel di Wonder Woman se il produttore di film accusato rimane
5 (100%) 1 vote

Siamo pure su Facebook