Bungie ha ufficialmente annunciato, rilancia DSOgaming, che l’atteso Destiny 2 non sarà compatibile con una discreta quantità di programmi di terze parti, per prevenire l’accesso al codice di gioco da parte di potenziali hacker.

Questa scelta, attuata proprio per salvaguardare l’accesso al gioco da parte degli hacker, per quanto possa sembrare bizzarra renderà il titolo incompatibile con programmi come FRAPS, EVGA Precision, MSi Afterburner, OBS e XSplit. Come se non bastasse, il gioco di Bungie non supporterà nemmeno funzioni di notifica visiva quali quelle di Discord o Mumble.

Registrare gameplay delle nostre partite non sarà però impossibile: i PC gamer avranno infatti delle alternative:

per catturare il display in modalità fullscreen si potrà ricorrere a metodi di cattura hardware quali Elgato, AVerMedia, o mediante il supporto di un PC dedicato allo streaming. Saranno altresì supportati NVIDI Shadowplay e AMD ReLive.

Per catturare il display in modalità windowed si potrà invece ricorrere ad OBS (supportati dunque solo in modalità windowed), XSplit Screen Capture, e XSplit Window Capture.

E voi cosa ne pensate di questa scelta?

Destiny 2 è in arrivo per PC il 24 ottobre, mentre la beta avrà inizio il 28 agosto.

Destiny 2: tolta compatibilità a programmi di acquisizione schermo e non solo
Valuta questo articolo