Nintendo ha ufficialmente annunciato Nintendo Switch, la nuova punta di diamante del colosso giapponese, che sarà disponibile da marzo 2017. Fino ad oggi nota come “NX”, la console nipponica non ha disatteso i rumors trapelati dalla rete, confermandosi essere un prodotto modulare, votato sia al gaming da salotto che a quello in mobilità. Ed è proprio in 200 secondi che Nintendo esprime con un linguaggio fresco e ammiccante quella che è la filosofia, l’anima di Switch, ovvero il pensiero cardine che sta alla base di quella che sarà la strategia di mercato del colosso videoludico per molti anni a venire.

Nintendo Switch | la riscossa di Nintendo

nintendo-switch

Ve la ricordate Nintendo WiiU? Ancora qualche mese e sarà solo un ricordo lontano. Il ricordo di una macchina che fece parlare molto di sé, su cui gravava il soverchiante peso dell’aspettativa del pubblico dopo il successo incontrastato di Nintendo Wii. Sotto quel peso Wii U ci è crollata, perché è oramai da tutti condiviso il flop che ebbe quella console, troppo fumosa e poco concreta, innovativa con i suoi due schermi, ma allo stesso tempo statica e scricchiolante sull’hardware. Azzoppata come se non bastasse da un mercato del gaming mobile, che proprio in quegli stessi anni era esploso negli store di google e in quelli della mela morsicata, finendo inevitabilmente con il rubare una buona fetta di utenza casual, esattamente il target della grande N.

A Nintendo sono bastati poco più di tre minuti per dire, chiaro e forte, che è ancora capace di innovare e stupire, di battere vie inesplorate, di rispondere per le rime ad un mercato in evoluzione.

Proprio così. Da qui ai prossimi anni a venire negli uffici di Kyoto non esisterà più alcuna distinzione tra console fissa e gaming portatile. Nintendo Switch è la prima console modulare al mondo, una macchina ibrida ed innovativa, destinata a ridimensionare il futuro dell’offerta videoludica della casa giapponese.

COSA SAPPIAMO

Nintendo Switch è composta da una docking station che collega la console alla TV, un pad da 6.2 pollici e il nuovo controller Joy-Con appositamente brevettato. Il nuovo controller è una componente modulare che, collegandosi ai lati del pad, lo trasforma in console portatile. Quando, invece, il pad è inserito nella dock station, si stacca e riassembla per diventare il controller di una console da salotto. Tutto ruota attorno alla sinergia che si combina tra docking station, pad e i nuovi controller.

Gli scenari di utilizzo sono molteplici. Come ci mostra Nintendo, infatti, le due metà in cui è possibile dividere a sua volta il Joy-Con saranno utilizzabili per giocare in multiplayer locale sullo stesso schermo portatile del pad.

nintendoswitch_hardware2-0

Si sa ancora molto poco sulle caratteristiche tecniche della console. Non è chiaro infatti se il display da 6.2 pollici sia un HD come i leaks sembrano suggerire, così come non si sa nulla sulla connettività e sulle componenti tecniche. Ciò che è confermata è la collaborazione con Nvidia per l’utilizzo di un processore Tegra di ultima generazione e personalizzato, così come l’adopero di cartucce come supporto di rigido di memoria.

Nintendo fa sul serio. Decisa a convergere il mercato mobile e fisso in un unica macchina mostra i muscoli con questa dimostrazione di individualità. Sì perché i mari in cui naviga la multinazionale nipponica nulla hanno a che fare con i competitor Sony e Microsoft. La grande N traccia la sua via e dimostra di saper cambiare rotta con destrezza, dimostra intraprendenza e capacià di evoluzione. E non può permettersi errori. Non ora che l’intento di riporre il mercato fisso e mobile in una macchina sola è più chiaro che mai.

TITOLI E SVILUPPATORI

Se gli sviluppatori di terze parti saranno capaci di proporre titoli adeguati alla natura ibrida della console, sarà il tempo a dircelo. Nel frattempo non resta che confidare nei cavalli di battaglia di Nintendo che abbiamo avuto modo di scorgere nel trailer stesso: un nuovo episodio in 3D di Mario,  The legend of Zelda: Breathof the Wild, Splatoon e Mario Kart 8,  accompagnati dall’inattesa apparizione della versione rimasterizzata di Skyrim e di NBA 2K17.

Vi rimando all’articolo di Lega Nerd per la lista dettagliata delle case di sviluppo alle prese con questa nuova rivoluzionaria console ibrida. Tra esse vi sono comunque nomi importanti quali 505 Games, Capcom, Betshda, LEVEL-5, Ubisoft, From Software e molte altre.

Se oltre al Nintendo Switch vuoi scoprire le ultime novità riguardanti il mondo del gaming e del tech sei nel posto giusto.

Salva

Nintendo Switch | La riscossa di Nintendo
Valuta questo articolo