Da ormai parecchi mesi si vociferava che Netflix avesse acquistato i diritti di questo nuovo Magi Sinbad no Bouken anime, serie spin off del più famoso Magi – The Labyrinth of Magic, ed effettivamente è uscito in sordina il lontano 14 Luglio. Sfuggitomi fra le tantissime novità che Netflix ha da offrire, mi ci sono imbattuto pochi giorni fa, del tutto per caso. Fin dalla locandina l’ho trovato un titolo molto interessante, per quanto non ne sapessi assolutamente nulla.

Di primo acchito pensai ad una scopiazzatura di One Piece ma, dopo la prima puntata, per quanto i richiami al fenomeno culturale di Oda sia innumerevoli, Magi Sinbad no Bouken si discosta subito, sia per le tematiche, che per le atmosfere e le ambientazioni. Andiamo quindi ad analizzare assieme questa prima puntata che devo ammettere essermi piuttosto piaciuta.

 

Magi Sinbad no Bouken Anime 1×01

Magi-Sinbad-no-Bouken

La trama, come si può comprendere dal titolo stesso, narra le origini di Sinbad, dalla sua nascita alla sua ascesa a Re di Sindria, in un arco temporale che precede di circa trent’anni Labyrinth of Magic. Quello che vedremo, come scritto dallo stesso Netflix, saranno le vicende del futuro Re dei sette mari che decide di intraprendere questa nuova avventura per trasformare il mondo in un posto migliore, come suo padre gli aveva predetto avrebbe fatto.

Fin dai primi istanti veniamo catapultati in un mondo dalla grafica accattivante, dettagliata e precisa i quali tratti e colori ricordano molto un altro anime molto bello offerto sempre da Netflix, ovvero The Seven Deadly Sins (corri a vederlo se ancora non l’hai fatto!). Fin dai primi istanti comprendiamo subito in che realtà ci troviamo, quale sarà l’atmosfera che aleggerà in questa prima puntata e con che tipo di protagonista avremo a che fare: un predestinato, un bambino dalla forza leggendaria, che riesce a sconvolgere per la sua forza fin dalla sua nascita. Gli amanti del fantasy rimarranno piacevolmente stupiti fin dai primi istanti, nei quali ben si comprende che la magia avrà un ruolo assai rilevante in Sinbad no Bouken.

Recensione e commento

Magi Sinbad no Bouken Anime | Recensione scottante

Questo primo episodio scorre via molto veloce, presentando una narrazione lineare e molto scorrevole ed una trama interessante, per quanto sufficientemente già vista per ora. Ciò che balza subito all’occhio in Magi Sinbad no Bouken è il rapporto fra Sinbad e suo padre, simili in tutto e per tutto al rapporto fra Rufy e Shanks di One Piece. Proprio una delle prime scene appare strutturata in modo pressochè uguale a quando Shanks viene deriso e umiliato nella taverna. Si parla inoltre, fra le tante cose, di frutti misteriosi, che rievocano i Frutti del Mare di One Piece. Questi però sono ovviamente solo dei piacevoli omaggi che nulla avranno a che fare con l’effettiva storia: o quanto meno questa è una mia supposizione.

Detto questo parlare di caratterizzazione dei personaggi, di tematiche, di ambientazioni e quant’altro risulta decisamente prematuro. Possiamo limitarci col dire che la prima puntata di Magi Sinbad no Bouken Anime funziona decisamente bene e sicuramente è una di quelle serie che continuerò perché sembra anticipare il perfetto connubio fra un protagonista cazzuto, una trama intrigante e um’ambientazione fantasy-medioevale-piratesca. Si potrebbe desiderare di più?

Nel frattempo, se fosssi indeciso, ti lasciamo il trailer di Magi Sinbad no Bouken anime

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Magi Sinbad no Bouken Anime | Recensione scottante
Valuta questo articolo