Nome originale: The Seven Deadly Sins – Nanatsu no taizai (I sette peccati capitali)

Sceneggiatura e disegni: Nakaba Suzuki

Prodotto: Serie originale Netflix

Episodi: 24

Genere: shonen/fantasy

Meliodas the seven deadly sins

The Seven Deadly Sins – Trama

The seven deadly sins è un anime del 2014 prodotto dalla A-1 Pictures, i quali diritti del manga sono stati acquistati dalla Star Comics mentre la visione dell’anime in Italia è stata resa possibile grazie all’intervento di Netflix. Mi sono avvicinato a questo prodotto senza alcuna aspettativa, interessato principalmente dalla lettura di critiche molto positive nei suoi riguardi, e sono rimasto piacevolmente sorpreso della qualità di questo anime.Seven Deadly Sins Elizabeth

I sette peccati capitali è esattamente quello che cercavo, ovvero uno shonen ambientanto in epoca medioevale e quindi dai tratti e dai contenuti puramente fantasy, che riesce ad intrattenere, divertire ed intrigare. Fin dai primi minuti ho notato una certa somiglianza con Fairy Tail, lo shonen fantasy di Hiro Mashima, al quale si avvicina non solo per i disegni ma anche per le atmosfere, la comicità e l’ambientazione. Vi si possono intravedere anche influenze del maestro Akira Toriyama e dell’anime di successo Sword Art Online. La protagonista, ad esempio, ricorda vagamente i tratti di Lisanna di Fairy Tail, mentre Meliodas, il protagonista maschile, ha caraterristiche che lo fanno assomigliare sia a Natsu che a Kirito.

La trama in sintesi di The Seven Deadly Sins narra di sette Cavalieri Sacri che sembra abbiano tradito i loro compagni con lo scopo di rovesciare il regno di Lionesse, venendo alla fine sconfitti dai restanti Cavalieri Sacri. Con il passare degli anni la loro presunta sconfitta sembra non essere più molto credibile e, pian piano, cominciano a diffondersi voci e leggende che vorrebbero i sette traditori ancora vivi, dispersi da qualche parte per il regno. La vera storia inizia 10 anni dopo questi incredibili avvenimenti, quando un enorme cavaliere in un pesante armatura arrugginita varca la soglia della taverna Boar Hat (per evitare spiacevoli spoiler mi fermo qui).

Commento a freddo

Che dire, per gli amanti dello shonen fantasy questo anime è una perla imperdibile, che già dal primo episodio riesce ad intrattenere ed interessare, grazie ad una trama molto accattivante e piena di colpi di scena. Non mancano i divertenti siparietti comici e divertenti grazie alla particolare personalità di Meliodas e del suo compagno, un maiale parlante, e, come ci si deve aspettare da un anime giapponese del genere, non mancano ovviamente le scene ecchi/perverse.

L’ambientazione fantasy  e i disegni sono davvero piacevoli e la caratterizzazione dei personaggi è davvero ben fatta, nonostante questo mio commento si riferisca solo ai primi due episodi.

In sintesi consiglio davvero a tutti la visione di The Seven Deadly Sins, un anime che sono sicuro non vi deluderà.

Salva

Salva

Salva

The Seven Deadly Sins | Commenti a freddo
Valuta questo articolo