Commento all’evento New Bloom Festival 2015

In questi giorni stiamo assistendo al New Bloom Festival 2015, un evento particolare di DotA (Defense of the Ancients), il famoso MOBA eterno rivale di LOL (League of Legends), che avrà fine il 2 Marzo.
In seguito alla commercializzazione del set arcano per la Crystal Maiden e alla pubblicazione del un nuove eroe, la Wynter Wyvern, un ennesimo support intelligenza, una nuova schermata di caricamento è comparsa ai giocatori di DotA, annunciando l’inizio effettivo del New Bloom, che celebra l’anno della Capra (Year of the Ram) cinese.
Poche cose in realtà sono cambiate, eppure, una grandissima critica è stata mossa nei riguardi della Valve, di Dota e del pover Gabe Newell, non solo dai videogiocatori più appassionati, ma dall’intero mondo videoludico.
Ciò che ha davvero infastidito i videogamers non è stato tanto il serio problema dei server della Valve, che sono crashati ripetutamente nei primi giorni dell’evento, impedendo di ricercare, o addirittura di finire, le partite nella nuova modalità, quanto la stessa nuova modalità di gioco (che di nuovo poi tanto non ha).
Circa ogni due/tre ore, infatti, è possibile lottare con la Belva, ovvero giocare una All pick, durante la quale nascerà in tempi randomici una Belva, sia nel vostro team che in quello avversario, che muovendosi in maniera autonoma comincerà a pushare una delle lane. Coi punti abilità del New Bloom è possibile potenziare e upgradare la Belva, farle attaccare dei bersagli particolari, farle utilizzare abilità come il Silenzio Globale di Silencer e molto altro ancora.
Come si vincono, però, i punti necessari a potenziare la bestia?
Per quanto DotA ci offra un determinato quantitativo di punti randomici giornalieri (il primo giorno erano ad esempio 8000, oggi 5500) il miglior modo per ottenere punti è pagare.
Ebbene si, per la priva volta su DotA, è possibile potenziare un “eroe” grazie ai soldi reali, dinamica che ha infastidito notevolmente il gran numero di giocatori contrari al P2W, ovvero al Pay To Win.
Ed effettivamente è così: più un utente paga, più la sua Belva sarà forte e quindi la possibilità di vincere la partita maggiore.
Ma possiamo davvero lamentarci?
DotA è un free to play 365 giorni l’anno e permette a tutti i giocatori, che siano i primi arrivati o i più esperti, di incominciare una partita dallo stesso “livello”, senza alcun vantaggio se non quello estetico dei set per gli eroi. Anche in questi giorni vi è la possibilità di giocare la solita, normalissima all pick senza dover urlare allo scandolo perchè ci si trova contro una squadra di “shopponi”.
DotA offre un ottimo servizio gratuito per tutto l’anno, quindi, un evento di pochi giorni come questo non può che essere ben accetto e compreso. Anzi, sono proprio eventi come questo che aiutano a rendere possibile un costante miglioramento e aggiornamento del gioco e la sua gratuità, perchè se non vi fossero giocatori disposti a spendere dei soldi reali nel game, probabilmente DotA non ci sarebbe o, sicuramente, non sarebbe così curato.

Molti giocatori, però, rimangono infastiditi, poichè continuano a perdere le partite in questa modalità particolare, trovandosi nella squadra avversaria giocatori che “shoppano” e che quindi hanno a disposizione più miglioramenti per la belva. Questi giocatori si trovano così senza la possibilità di poter vincere i set e i corrieri, droppabili in seguito alla sconfitta del team avversario nella lotta con la Belva.
Ed effettivamente alcune partite, per chi non utilizza i soldi reali, saranno davvero difficili, se non impossibili.
D’altro canto la stragrande maggioranza delle partite, se giocate con criterio e con dei buoni pick, porteranno a dalle vittorie molto easy, anche entro i 15-20 minuti. Per quanto questa modalità, infatti, agevoli i giocatori che shoppano, anche i giocatori (come me) che preferiscono un gioco completamente free, avranno la possibilità di vincere, se giocheranno bene.

In sintesi, più che una critica ad un evento che in realtà ha ben poco di p2w e che è facilmente evitabile, visto che si possono cercare all pick normali anche quanto la Belva si risveglia, sembra uno scaricare la colpa della propria incapacità contro chi shoppa: cercare il coloro che comprano punti abilità il capro espiatorio per i propri errori.
Quindi fermiamoci un attimo e respiriamo.
Se l’evento non vi piace, non giocatelo e continuate a giocare a DotA come se nulla fosse cambiato.
Se invece questo nuovo evento vi sollazza e la possibilità di vincere un set vi emoziona, per quante ne abbiate perse riprovateci. Trovate un buon team con cui giocare, scegliete dei pick buoni e cercate di comprendere quali azioni siano migliori in questa modalità particolare.

Quindi ragazzi vi auguro tanta fortuna e tanto divertimento.
Gl HF:)

Link utili per il New Bloom Festival
Orario di risveglio della bestia 1
Orario di risveglio della bestia 2
informazioni generali sull’evento [ENG]
informazioni generali sull’evento [ITA]
consigli per vincere l’Year Beast Game

New Bloom 2015: P2W? Andiamoci piano
Valuta questo articolo